1
OGGI: 19/01/2019 13:19:39 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRINEWS FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capri Watch, Tennis
  CALCIO Napoli Lega Pro
  ALTRI SPORT Motori Basket Tennis Nuoto Ciclismo Altri

facebook

contatti
RUBRICA: Calcio-SerieA
CONDIVIDI LA NOTIZIA

BUFFON, 'INCIDENTI INTER-NAPOLI? CALCIO UN PRETESTO, PURE IO SONO STATO UN ULTRA'
4
08/01/2019 - L'Inter non presenterà ricorso contro la chiusura per due turni dello stadio di San Siro per i fatti della partita contro il Napoli, ma chiede di aprire lo stadio ai bambini. Il club nerazzurro ha fatto sapere in un comunicato che non si appellerà contro la decisione presa dal giudice sportivo per i cori razzisti contro Koulibaly durante il match del 26 dicembre scorso. "Il club -si legge ancora nella nota- ha invece inoltrato richiesta alla Federcalcio e alla Lega Nazionale di Serie A per offrire la possibilità a bambine e bambini delle scuole calcio nerazzurre e a ragazze e ragazzi del Centro Sportivo Italiano di assistere alla gara contro il Sassuolo, in programma il prossimo 19 gennaio e valevole per la 20esima giornata di Serie A, dal primo anello arancio. Un'iniziativa importante per lanciare un segnale forte e chiaro contro ogni forma di discriminazione e violenza". "Se affonda un barcone a Lampedusa e muoiono 300 persone ci commuoviamo e pensiamo anche ad adottare i bambini rimasti orfani, ma se non affonda ci lamentiamo dell'ingresso di 300 immigrati e ci chiediamo cosa vengano a fare. È difficile provare a contestualizzare quanto successo a Milano. L'odio è un vento osceno, da qualunque parte spiri. Non solo in uno stadio. Perché ho il forte sospetto che il calcio, in tutto questo, reciti soltanto da pretesto". Lo dice il portiere del Paris Saint Germain, Gigi Buffon, in merito agli scontri del 26 dicembre scorso a Milano, prima di Inter-Napoli costati la vita al tifoso Daniele Belardinelli. A pochi giorni dal quarantunesimo compleanno, Gigi Buffon si racconta in esclusiva a Vanity Fair, che gli dedica la copertina del numero in edicola da mercoledì 9 gennaio, aprendo le porte della sua casa di Parigi e spalancando quelle sul suo passato. A partire dalla militanza giovanile tra gli ultrà («Commando Ultrà Indian Tips, il nome del gruppo di tifosi che seguivano la Carrarese, ancora ce l'ho stampato sui miei guanti») e dalla frequentazione della curva («Incontravo gente di cui si parla tanto senza saperne nulla. Ragazzi normali. Sognatori. Idealisti. Alcune persone interessanti e qualche deficiente»). "È vero che una volta prese qualche manganellata dalla polizia? È una storia che risale a vent'anni fa. Dopo una partita diedi un passaggio a un tifoso del Parma. Al casello c'era un posto di blocco della polizia. Appena vide le luci blu, lui si dileguò. A confronto con loro rimasi solo io. Oggi, ovviamente, non commetterei più quelle leggerezze, ma riconosco ancora quel ragazzo capace di slanci di solidarietà nei confronti di un amico. Anche di un amico che sbaglia". «Da ragazzo», racconta Buffon a Vanity Fair, «covavo una sensazione di onnipotenza e invincibilità. Mi sentivo indistruttibile, pensavo di poter eccedere, di fare quel che volevo... Mi tengo ben stretta la sana follia dei miei vent'anni... Ho fatto le mie cazzate, ne ho assaporato il gusto e in un certo senso sono contento di non essermene dimenticata neanche una». Per esempio, la volta in cui, proprio negli anni del Parma, rispose male al suo allenatore Nevio Scala: «Si girò verso di me e mi guardò come nessun altro ha mai più fatto. Era furibondo e aveva tutte le ragioni». Un errore di gioventù, uno grosso, ha saputo evitarlo: «Non drogarsi, non doparsi, non cercare altro fuori da te sono principi che i miei genitori mi hanno passato presto. A 17 anni, quando in discoteca mi mettono una pasticca sulle labbra, io so come e perché dire di no». Giusto forse «un tiro di canna fatto da ragazzo», e il ricordo della «nuvola di fumo che avvolge i tifosi della Casertana, una nebbia provocata non dai fumogeni, ma da 200 canne fumate tutte insieme: è come se la vedessi ora». L'ex portiere della Juventus ricorda la depressione che lo colpì più di quindici anni fa: «Per qualche mese, ogni cosa perse di senso. Mi pareva che agli altri non interessassi io, ma solo il campione che incarnavo. Che tutti chiedessero di Buffon e nessuno di Gigi. Fu un momento complicatissimo. Avevo 25 anni, cavalcavo l'onda del successo e della notorietà. Un giorno, a pochi minuti da una partita di campionato mi avvicinai a Ivano Bordon, l'allenatore dei portieri, e gli dissi: ''Ivano, fai scaldare Chimenti, di giocare io non me la sento''. Avevo avuto un attacco di panico. Non ero in grado di sostenere la gara». Ne uscì, racconta, parlandone con gli altri: «Se non avessi condiviso quell'esperienza, quella nebbia e quella confusione con altre persone, forse non ne sarei uscito. Ebbi la lucidità di capire che quel momento rappresentava uno spartiacque tra l'arrendersi e fare i conti con le debolezze che abbiamo tutti. Non ho mai avuto paura di mostrarle né di piangere, una cosa che mi capita e di cui non mi vergogno affatto». Tornando sull'eliminazione dell'Italia dal recente Mondiale, a sorpresa difende l'ex Ct Giampiero Ventura: «Che noi calciatori lo abbiamo osteggiato è una balla colossale. Ventura ha avuto la nostra massima disponibilità e lo abbiamo difeso in ogni occasione. A un certo punto, è vero, si è sentito solo. Ma forse un sostegno diverso avrebbe dovuto averlo da chi di dovere. Evidentemente molte cose non hanno funzionato come avrebbero dovuto. Come insegnante di calcio, a me Ventura è piaciuto tantissimo». A proposito di calcio, Buffon dice che spera di giocare almeno ancora un altro anno: «L'idea, se il Psg sarà d'accordo, è quella». Si descrive come «uno strano figuro di 40 anni che va in campo, pensa di averne venti e ha più sogni e ambizioni di quanti ne avesse da ragazzo». E tra dieci anni? «Spero di essere in piedi. Se ripenso al ragazzino che ero e ai sogni che avevo, non commuovermi è impossibile».
 




Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 


Notizie correlate
1 - MILAN-GENOA, SI TRATTA PER PIATEK, E SARRI GLISSA SU HIGUAIN

1 - SIBILIA, VICE-PRESIDENTE FIGC: "VAR OTTIMO STRUMENTO MA VA MIGLIORATO"

1 - SUPERCOPPA ALLA JUVENTUS, CR7 GOL E PRIMO TROFEO IN BIANCONERO

1 - SUPERCOPPA: HIGUAIN FURIOSO CON BANTI E FACCIA A FACCIA CON BONUCCI

1 - SUPERCOPPA: JUVENTUS-MILAN, LE FORMAZIONI E LE ULTIME NOTIZIE

1 - IL REAL MADRID VUOLE PIATEK DEL GENOA

1 - ATALANTA, RIGONI TORNA ALLO ZENIT SAN PIETROBURGO

1 - CALCIOMERCATO: NON SI SBLOCCANO I CASI ICARDI E HIGUAIN

1 - GENOA-MILAN ANTICIPATA ALLE 15 DI LUNEDI' 21 GENNAIO

1 - SI FERMA MANDZUKIC, SUPERCOPPA A RISCHIO

1 - MILAN, DAVIDE CALABRIA: "LA COPPA ITALIA È UN OBIETTIVO FONDAMENTALE"

1 - INTER, ROVER RIENTRA DAL VICENZA E SI APPRESTA AD ESSERE DIROTTATO AL PORDENONE

1 - SAMPDORIA, INGAGGIATO GABBIADINI. VISITE MEDICHE PER L'EX ATTACCANTE DEL NAPOLI

1 - MALAGÒ: "IL NAPOLI NON PUÒ DECIDERE DI SOSPENDERE LA PARTITE"

1 - AL 2019 ALESSANDRO FLORENZI CHIEDE UNA RIPARTENZA FORTE PER LA ROMA

1 - L'UEFA RIBADISCE, NEI CASI DI RAZZISMO BISOGNA RISPETTARE IL PROTOCOLLO

1 - UFFICIALE: STEFANO OKAKA TORNA IN ITALIA

1 - UDINESE, ARRIVANO ZEEGELAAR E OKAKA. RINFORZI IN ARRIVO DAL WATFORD. SI ATTENDE UFFICIALITÀ

1 - COLLINA: 'MIGLIORARE LA TEMPISTICA DELLA VAR'

1 - IL CALCIOMERCATO INVERNALE STA VIVENDO A DUBAI I SUOI MOMENTI PIÙ SIGNIFICATIVI: ECCO PERCHÈ


 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1