1
OGGI: 23/01/2018 22:28:43 CAPRI TELEVISION TELECAPRI TELECAPRINEWS CAPRI TV FIERACITTA'
1
cs
CANALE 87
DEL DIGITALE TERRESTRE
  Capri Watch
  CALCIO  
  ALTRI  
RUBRICA: Calcio-SerieA
Bookmark and Share Condividi la notizia
Figc, si candida Lotito: "Ho 11 voti". Ma la serie A è spaccata
4 13/01/2018 - La Lega Serie A piomba nel caos in vista dell'elezione del nuovo presidente della Figc. Al momento di convergere su una figura da candidare, è emersa una spaccatura che rischia di ripercuotersi anche nelle elezioni del prossimo 29 gennaio. Al termine di una giornata lunghissima, in cui una Commissione ristretta composta dal commissario Carlo Tavecchio, dal presidente della Lazio Claudio Lotito, del Torino Urbano Cairo, gli ad di Juve e Milan Beppe Marotta e Marco Fassone, ha incontrato le varie componenti federali, c'è stata successivamente l'Assemblea (uniche assenti la Roma e il Benevento) da cui sarebbe emersa clamorosamente la candidatura di Lotito.

Al momento gli unici due che hanno ufficializzato la loro candidatura sono Damiano Tommasi numero uno dell'Assocalciatori e Gabriele Gravina presidente della Lega Pro. La terza, quella di Cosimo Sibilia, sarà ratificata domani dall'Assemblea della Lega Dilettanti dopo che già questa sera i delegati lo hanno di fatto indicato come loro candidato. Il presidente della Lazio, a quanto si apprende avrebbe annunciato di avere l'appoggio di almeno 11 club, proprio quel 50% +1 di ogni singola componente che è la quota minima per scendere in campo.

La prossima settimana dovrebbe esserci una nuova assemblea per cercare di trovare una posizione unitaria. "E' stata una giornata lunga. La Lega Serie A ha consultato tutte le componenti. Poi l'Assemblea non si è pronunciata su una sua candidatura e né su una candidatura di appoggio. Tutto è rimandato a dopo la scadenza del 14 e si vedrà", ha commentato il commissario Tavecchio al termine dell'Assemblea.

Sulle voci di una possibile candidatura di Lotito, anche se non è stato fatto alcun nome, il commissario ha replicato: "In Assemblea non sono state presentate candidature singole". Ma resta il fatto che il patron della Lazio è sceso in campo e ora avrà tempo fino a domenica 14 per ufficializzare la sua candidatura. Una scalata ai vertici della Figc che parte però monca, visto che metà della Serie A di fatto non lo appoggia e non lo voterebbe (fra queste tutti i top club a partire dalla Juve).

Tenendo conto che la massima serie conta 20 delegati in Consiglio, che pesano per il 12% dei voti per eleggere il presidente federale, è chiaro che per Lotito diventerà fondamentale nei prossimi giorni trovare l'appoggio di almeno una delle altre due componenti con il peso maggiore: la Lega Pro che conta il 17% e la Lega Dilettanti il 34%.

La giornata in Lega è iniziata con la notizia, arrivata da Firenze, della candidatura ufficiale di Gabriele Gravina, indicato all'unanimità dall'Assemblea della Lega Pro. Nel frattempo a Milano iniziava il casting dinanzi alla commissione della Lega. Il primo a varcare gli uffici di via Rosellini è stato il presidente della Lega Dilettanti, Cosimo Sibilia. "Il calcio di base e quello di vertice devono ricostruire quell'asse storico che c'è sempre stato", ha detto dopo circa un'ora di faccia a faccia.

E' stata poi la volta del presidente dell'Assoallenatori Renzo Ulivieri, al quale è stata prospettata una possibile convergenza fra Lega Serie A e Lega Serie D. "Noi abbiamo detto che vogliamo vedere prima le persone. La questione è delicata, capire la capacità e l'affidabilità. Poi faremo le nostre valutazioni. Noi siamo ancora con Tommasi, ma guardiamo a quello che succede. Bisognerà vedere i programmi e confrontarsi con gli altri", è stata la replica di Ulivieri dopo quasi due ore. Decisamente più sbrigativo il presidente dell'AIA (arbitri) Marcello Nicchi, che ha però tuonato: "Se si arriva con tre candidati, al primo turno noi non votiamo. Se si presentano in due, allora si può scegliere. Serve un presidente forte perché per fare le riforme serve l'appoggio di tutti".

Quindi è stato il presidente della Serie B Mauro Balata a presentarsi dinanzi alla Commissione della Lega A. "Ho trovato persone di alto profilo e autorevolezza. La cosa importante è che si è ricreato un asso molto forte fra la Lega Serie A e la Lega Serie B, come è sempre stato nel loro Dna. Condividiamo le strategie, le valutazioni e tutto quello che c'è da fare per il mondo del calcio", ha commentato alla fine lasciando intendere una sorta di convergenza fra le due leghe. La prima svolta della giornata quando il candidato della Lega Pro Gravina ha riferito l'esito del suo incontro con la Lega Serie A. "Da questo incontro emerge una Lega Serie A molto frazionata e che non riesce a fare sintesi", ha ammesso. Il presidente della Lega Pro è stato l'unico a presentare il proprio programma di 60 pagine che ha suscitato "l'interesse della Lega A" anche perché al suo interno c'è la proposta di "una riforma dello Statuto, con una modifica del peso ma anche delle modalità elettive con una golden share per la Serie A".

Una proposta che però evidentemente non è bastata ad ottenere l'appoggio della massima serie. L'ultimo ad incontrare la commissione delle Lega A è stato Damiano Tommasi, che al termine ha fatto un po' intendere quello che stava per accadere. "Si è parlato di un candidato unico e anche di altri candidati. Ho ribadito la mia disponibilità ad appoggiare un candidato unico che sia credibile, ma non so se hanno all'ordine del giorno questa eventualità", ha detto il presidente dell'Assocalciatori. Parole che lette alla luce di quanto accaduto nella successiva Assemblea di Lega Serie A sembrano un chiaro riferimento a Lotito e alle strategie dei club che lo appoggiano.

 


Se ti piace il nostro sito e vuoi far parte della nostra grande comunità su Facebook
clicca sul pulsante sottostante 'Mi piace'


 

Notizie correlate
23/01/2018 - FIGC, GRAVINA: “TOMMASI NON PUÒ ANDARE CON I CONSERVATORI”

23/01/2018 - MERCATO: DZEKO AL CHELSEA, QUASI FATTA

23/01/2018 - ADDIO A VOCE STORICA 90° MINUTO

23/01/2018 - SERIE A, FLOP ASTA DIRITTI TV

23/01/2018 - MERCATO: "BALOTELLI VICINO ALLA JUVE"

23/01/2018 - IN FUTURO GATTUSO C'È LAZIO "2 GARE CHE DIRANNO TANTO"

23/01/2018 - DAVIDE SANTON INSULTATO, CHIUDE L’ACCOUNT INSTAGRAM

23/01/2018 - 40 ANNI BUFFON, FF GLI DEDICA COPERTINA

23/01/2018 - SERIE A: LA JUVE NON MOLLA IL NAPOLI

23/01/2018 - ALLEGRI, IMPORTANTE STARE IN SCIA NAPOLI

23/01/2018 - FIGC, TOMMASI: “SONO CANDIDATO MA NON ESCLUDO PASSO INDIETRO”

23/01/2018 - JUVENTUS: MAROTTA, QUELLA SU BALOTELLI È UNA BUFALA

23/01/2018 - BERLUSCONI: “IL MILAN NON LO GUARDO PIÙ”

23/01/2018 - MERCATO: DZEKO VERSO IL CHELSEA. INTER RAFINHA È UFFICIALE

22/01/2018 - TRIPLETTA QUAGLIARELLA: 'AMO TROPPO GIOCARE'

22/01/2018 - LAZIO: INZAGHI, CONSAPEVOLI NOSTRA FORZA

22/01/2018 - INTER-ROMA, FINISCE 1-1 LO SPAREGGIO DI CHAMPIONS LEAGUE

22/01/2018 - DI FRANCESCO: "SICURAMENTE ABBIAMO FATTO UN'OTTIMA GARA PER 65 MINUTI, POI SIAMO CALATI"

22/01/2018 - LUCIANO SPALLETTI: "NOI SIAMO L'INTER E DOBBIAMO AVERE IL CORAGGIO DI LOTTARE"

22/01/2018 - SERIE A, KESSIÈ RIBALTA IL CAGLIARI: BARELLA NON BASTA, MILAN VINCE 2-1

22/01/2018 - JUVENTUS, MESSI “CHIAMA” DYBALA AL BARCELLONA

22/01/2018 - BENEVENTO, DE ZERBI: “GLI EPISODI HANNO CONDIZIONATO LA GARA”

22/01/2018 - SERIE A, LAZIO SUPER ANCHE SENZA IMMOBILE: CHIEVO TRAVOLTO 5-1

22/01/2018 - CALCIO, SERIE A: NAPOLI AVANTI ”DI MISURA”

22/01/2018 - FIGC: GRAVINA,MIA CANDIDATURA DI ROTTURA

22/01/2018 - SERIE A: 1-1 TRA INTER E ROMA, TRIPLETTA DI QUAGLIARELLA CONTRO LA FIORENTINA

22/01/2018 - DIRITTI TV, DA MEDIASET OFFERTA A LEGA A

22/01/2018 - CALCIO, SERIE A: LAZIO-UDINESE A BANTI, SAMPDORIA-ROMA AD ORSATO

22/01/2018 - FIGC: SIBILIA, RIPARTIRE DALLA NAZIONALE

22/01/2018 - MERCATO: CAGLIARI, ARRIVANO LYKOGIANNIS E CETER

22/01/2018 - MERCATO: INTER, VISITE MEDICHE PER RAFINHA

 
TELECAPRISPORT - VIA LI CAMPI 19 - 80073 CAPRI NA - PAGE DESIGN BY COMINVEST SRL - P. I. 04764940633 -
1